Loading...
Attendere prego......
Ignora collegamenti

LETTERA OTTOBRE 2012

Gentilissime zelatrici e stimati lettori, all’inizio di questo nuovo mese, che il Signore ci dona, esprimo con affetto e grande stima auguri di ogni bene, a tutti voi e ai vostri cari. È ottobre, il mese del Rosario e per noi, cultori e propagatori di così salutare devozione, significa che è tempo di abbondanti grazie che possiamo ricevere “dalle stesse mani di Maria (RVM, 1).

Leggevo, con intima gioia, la seguente espressione di Papa Albino Luciani, “il Papa del sorriso”, citata poi dai suoi successori, Papa Giovanni Paolo II e da Benedetto XVI (08/10/07): «È impossibile concepire la nostra vita, la vita della Chiesa, senza il Rosario, le feste mariane, i santuari mariani e le immagini della Madonna».
Questa attenzione per Maria, animata da affetto filiale, l’ha avuta, lungo i secoli, quello «stuolo innumerevole di santi» i quali hanno saputo fare del Rosario il loro “itinerario spirituale” ed il Rosario è stato per loro, devozione di conforto, di sostegno e di luce nei momenti importanti per le loro scelte e decisioni (RVM, 8).

Quante testimonianze che ci incoraggiano ad essere fedeli alla Madonna! Per sapere quanto sa ottenerci il Suo Rosario, il Rosario di Maria, lo ripeto con un’espressione di San Luigi M. Grignon de Montfort: «Il segreto per conoscere se uno è un uomo di Dio, è quello di esaminare se ama l’Ave Maria e la Corona».

Non ci stanchiamo di fare la nostra parte per mantenere viva la devozione al Rosario e mentre vi ringrazio di cuore per quanto fate per la nostra Associazione – che cura la recita perpetua del Rosario – vi incoraggio a metterci tutta la vostra forza e la buona volontà  per continuare a guidare e a far crescere il vostro gruppo di numero e di qualità. Diceva S. Massimiliano Kolbe: «Non ci daremo riposo finché non avremo messo il mondo intero ai piedi della nostra Regina».
Diffondendo e praticando questa preghiera, ci viene detto in pratica, noi ci rendiamo graditi alla Madonna e ci santifichiamo.

Il Papa Benedetto XVI che coglie ogni occasione per raccomandarci la recita del Rosario,  in  una festa del Rosario sottolineò: «L’immagine tradizionale della Madonna del Rosario raffigura Maria che con un braccio sostiene Gesù Bambino e con l’altro porge la corona a San Domenico. Questa significativa iconografia mostra che il Rosario è un mezzo donato dalla Vergine per contemplare Gesù e, meditandone la vita, amarlo e seguirlo sempre più fedelmente (…). Anche noi vogliamo accogliere la materna richiesta della Vergine, impegnandoci a recitare con fede la corona del Rosario per la pace nelle famiglie, nelle nazioni e nel mondo intero» (07/10/07).
Quanto bene abbiamo con la corona tra le mani!

Ritorni ottobre con il suo particolare fascino, ritorni soprattutto con la preghiera del Rosario nelle famiglie. Finite le vacanze, ciascuno riprende il proprio posto di lavoro per una nuova stagione di bene, sempre fiduciosi nell’aiuto di Colei che cooperò in modo tutto speciale all’opera del Salvatore.
Cerchiamo di dare un giusto rilievo alla celebrazione ecclesiale della festa mariana del 7 ottobre, che, quest’anno cade proprio nella prima domenica di ottobre: per noi dell’Associazione è il giorno che coincide con la solenne Ora di Guardia alla quale, anche con i supplementi, abbiamo invitato a partecipare numerosi e ferventi.

Ricordo in particolare il 18 ottobre, giorno in cui festeggiamo l’evangelista Luca, il “pittore” della Madonna. È Lui che ci offre il primo ritratto spirituale di Maria: “Colei che ha creduto…”, “Colei che portava tutto nel suo cuore, meditandolo”. I primi cristiani seppero far riferimento a Maria per difendere la propria fede. A noi del XXI secolo, la filiale devozione per Lei ci ottenga una nuova primavera dello Spirito.
Con questo numero della rivista vorrei portarvi tutto il calore della Madre del Signore! Gentili zelatrici, fatevi sentire inviando vostre notizie e quando pensate opportuno chiamatemi per una visita alla vostra Associazione. Grazie per il vostro aiuto spirituale e il necessario sostegno economico.
Con San Domenico e Santa Caterina, tutti in preghiera ai piedi della Regina del Rosario.

P. Eugenio Zabatta, op.
Direttore del Rosario Perpetuo.

Visitate il Sito dell’Associazione del Rosario perpetuo: www.rosarioperpetuo.net


Torna su

Rosario Perpetuo

Direzione: Piazza S. Maria Novella, n. 18 – 50123 FIRENZE
Tel: 055 239 60 34 - 055 265 64 53

Segreteria: Via Cittadella, n. 39 - 50144 Firenze
Tel. 055 35 56 80 - CCP n. 304501 int. a "Rosario Perpetuo – FI".

Orario di apertura (solo i giorni feriali).
Direzione: ore 11,00-13,00; 14,30-17,00.
Segreteria ore 8,30 -12,30.

Centro del Rosario Perpetuo
P.za S. Maria Novella, 18 -
50123 FIRENZE
tel. 055 35 56 80
e-mail: rosario.perpetuo@tiscali.it

Area riservata | Credits
Cookies Policy