Loading...
Attendere prego......
Ignora collegamenti

LETTERA DICEMBRE 2012

Gentilissime Zelatrici e stimati lettori, con la recita del Rosario mettiamo in evidenza la divina Maternità della Madonna. In ogni “Ave Maria”, che recitiamo con la certezza della nostra fede, la invochiamo con il titolo di Madre di Dio: “Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi...”.

Il Rosario stesso è nato e si è diffuso proprio per difendere e proclamare questa verità che è al fondamento della nostra religione cristiana. Maria è Madre di Dio perché Colui che è nato da lei, è Dio.
L’Ora di Guardia, quale recita solenne e comunitaria del Rosario, diventi sempre più gesto di filiale affetto, da parte nostra, nei riguardi della Sua divina Maternità, e non rimarrà senza frutti. La preghiera che rivolgiamo a Gesù, “frutto del Suo seno”, passa attraverso l’intercessione della sua Mamma e ci fa certi della Sua protezione. Notiamo pure che la preghiera in genere, come la carità, non si ferma solo alle parole, ma passa all’opera: chi ama, fa buoni servizi alla persona amata, come il Samaritano non si fermò solo a guardare, ma curò e soccorse chi aveva bisogno.

Chi vuol bene alla Madonna non si ferma alle parole, ma cerca di portare anche altri ad onorarla e volerle bene. Inoltre, come la “Vergine santa vuole esercitare la sua premura materna, verso di noi, proprio attraverso la preghiera del Rosario” (RVM, 7), così anche voi vi dovete avvalere del Rosario per condurre dolcemente, ma con fermezza, tutte le iscritte a vivere sempre più cristianamente. Anche per voi zelatrici valga l’ispirazione che il beato Bartolo Longo sentì nel cuore: “Chi propaga il Rosario è salvo” (RVM, 8).

Tenete conto di quanti tesori di grazia potete ottenere dalla Madre di Dio per il servizio che prestate come zelatrici a guida dei gruppi! “Lavorando” per la Madonna progrediamo nel cammino personale di santità e facciamo tanto bene alle persone, cominciando dai nostri cari, in famiglia.

Con la recita del Rosario – allargando l’orizzonte – possiamo dare un vero contributo per favorire la pace nel mondo e il bene delle famiglie: il Rosario è ordinato particolarmente a questi scopi (cf RVM, 40 e 41). Non ultimo scopo del Rosario, per noi, è anche quello di elevare lode perenne a Maria e per mezzo di lei alla Trinità Santissima! Le festività natalizie e del Nuovo Anno che sta per iniziare, siano per tutti noi occasione di conforto e di nuovo slancio interiore, per amore della Madre di Dio e Regina del Rosario. Che sia lei a ricompensarvi ottenendovi abbondanza di grazia e ci benedica tutti con il Suo Figlio, Gesù. Stiamo sempre uniti attorno a Maria con S. Domenico e S. Caterina!


Ringraziandovi per la preziosa collaborazione che offrite, vi saluta cordialmente
P. Eugenio Zabatta op dalla direzione dell’Associazione


Torna su

Rosario Perpetuo

Direzione: Piazza S. Maria Novella, n. 18 – 50123 FIRENZE
Tel: 055 239 60 34 - 055 265 64 53

Segreteria: Via Cittadella, n. 39 - 50144 Firenze
Tel. 055 35 56 80 - CCP n. 304501 int. a "Rosario Perpetuo – FI".

Orario di apertura (solo i giorni feriali).
Direzione: ore 11,00-13,00; 14,30-17,00.
Segreteria ore 8,30 -12,30.

Centro del Rosario Perpetuo
P.za S. Maria Novella, 18 -
50123 FIRENZE
tel. 055 35 56 80
e-mail: rosario.perpetuo@tiscali.it

Area riservata | Credits
Cookies Policy